30 Giu, 2019

Il Moie Vallesina festeggia la Promozione!

Secondo in campionato, ha dovuto vincere tre
spareggi per conquistare il salto di categoria
 
Il Moie Vallesina festeggia la Promozione
 
di Adriano Santelli
 
E’ stata una stagione calcistica piena di soddisfazioni per il Moie Vallesina quella che si è conclusa a fine giugno, con gli ottimi risultati conseguiti dal Settore giovanile (consistente aumento del numero degli iscritti, affermazioni in ambito regionale e nazionale) cui si è aggiunto, al termine di un’estenuante trafila, il ritorno in Promozione della prima squadra a poco più di un anno dalla dolorosa retrocessione in Prima categoria.  
Il Moie continua a festeggiare il salto di categoria ottenuto, al termine dell’ennesimo spareggio-promozione, sabato 22 giugno, nella calda serata al campo Salvo D’Acquisto di Loreto battendo (2-1, gol di Arcangeli e Api) al secondo tempo supplementare il Corridonia, orgoglioso concorrente del girone C.
Corsa a ostacoli
Per realizzare il ritorno in Promozione, i rossoblù hanno dovuto superare le forche caudine di tre spareggi post campionato: il primo contro il Borgo Minonna (a sua volta vincitore del playoff con la Sampaolese), grazie a una doppietta di Martellucci (2-1) quando sarebbe bastato il pareggio per la migliore posizione nella classifica finale rispetto ai rivali jesini); il secondo sul neutro di Fossombrone (1-0 con gol di Api) contro i pesaresi della K-Sport Azzurra Academy di Montecchio di Vallefoglia, già tra i protagonisti del girone A; il terzo quello già accennato di Loreto.
Troppi spareggi
Gli spareggi post seasonsarebbero stati addirittura quattro se il Moie, in campionato, non avesse distanziato di oltre dieci punti (quattordici, per l’esattezza) la quinta classificata - il Montemarciano -; lo stesso Montemarciano andato, poi, in confusione nell’ultima gara  quando, opposto a una non irresistibile Le Torri Castelplanio in lotta per la salvezza, alla notizia in diretta della vittoria del Borgo Minonna si è lasciato irretire dagli avversari finendo per perdere negli ultimi minuti per 2-3 dopo essere stato a lungo in vantaggio per 2-0.
Formula da ripensare
E’ chiaro che la formula dei playoff debba essere ripensata dai soloni della FederCalcio  e sue articolazioni, perché è assurdo che dei dilettanti di Prima categoria (ma anche di Promozione, Eccellenza, e così via) debbano cominciare la stagione agonistica in estate - Coppa Marche e campionato - e siano costretti a concluderla pure in estate, come quell’afoso 22 giugno a Loreto.
Tutelare i giocatori
Giocatori, tecnici, dirigenti delle società minori partecipano ai campionati federali per puro diletto, non da professionisti del pallone, appunto, dovendo conciliare questioni di vita privata (famiglia, lavoro, ferie,…) con la passione per il calcio. Ed è necessario tutelare i giocatori, non tenerli sotto pressione come se avessero nella loro esistenza di tutti i giorni solo l’impegno calcistico.
Compiti per le vacanze
Affidiamo i compiti a casa a questi ineffabili dirigenti della FIGC Marche guidati dal presidente Paolo Cellini affinché sappiano proporre, insieme ai soggetti interessati, un’adeguata soluzione a questo problema non da poco.
Serata magica
Già nella magica serata del 22 giugno, i giocatori, di ritorno dal successo di Loreto, si sono ritrovati al ristorante Jolanda di Moie, una cinquantina di persone compresi dirigenti e addetti ai lavori a vario titolo, per un primo incontro conviviale dominato da una sana euforia collettiva, con tanto di brindisi benaugurali e urrà con il conforto del generoso verdicchio del territorio, un piccolo strappo all’abituale menu da atleti.
Da una cena all’altra
Poi c’è stata un’altra cena, certamente non l’ultima della serie, tre giorni dopo a San Paolo di Jesi offerta da uno sponsor della società, ma è in via di allestimento un calendario di festeggiamenti - senza strafare, auspichiamo - per celebrare in modo adeguato questo ritorno in Promozione, il luogo giusto, come minimo, per un importante e operoso centro di 6.200 abitanti come Maiolati Spontini, dove lo sport, non solo il calcio, è una delle  attività primarie, fonte di svago, divertimento e di crescita per giovani e meno giovani.
Il ricevimento in Municipio
E’ in programma, tra le altre iniziative, il ricevimento in Municipio da parte del neo sindaco Tiziano Consoli della squadra accompagnata dalla dirigenza.
Inoltre, la società ha offerto ai giocatori un weekend gratuito a Nova Gorica, in Slovenia, come premio-promozione. Un bellissimo e gradito pensiero, non c’è che dire.
Campionato in crescendo
Uno dei principali artefici di questa impresa è stato Stefano Tiranti, l’allenatore che ha preso il timone del Moie in corso d’opera alla 25agiornata, lo scorso 16 marzo, esordendo, peraltro, con un’inopinata sconfitta con il Borgo Minonna (1-2). In seguito Tiranti si è abbondantemente riscattato, realizzando, spareggi inclusi, un filotto di 11 vittorie (e due sconfitte, compresa quella iniziale con il Borgo) su 13 match disputati.
Con il tecnico abbiamo scambiato qualche battuta.
-Mister, non è stata una passeggiata, considerando la tua prima gara, vero?
“E’ stato un lavoro duro, molto impegnativo, ma alla fine, con il contributo di tutti, siamo riusciti a spuntarla”
L’allenatore profeta in patria
-Hai anche contraddetto la nota allocuzione evangelica del nemo propheta in patria;come ti senti in questi panni?
“In effetti è un po’ così, da moiarolo residente a Moie, è stato bello vincere a casa propria, dove è facile avere consensi ma più facile ancora ricevere critiche severe o stroncature”.
-In questa situazione, il cronista si trova a disagio perché non è in grado di esprimere fondate considerazioni critiche, e allora ti chiedo: resterai in rossoblù?
Il dilemma della panchina
“Questo è il problema, perché devo prima affrontare e risolvere questioni di carattere lavorativo e famigliare. Ma non voglio tirarla per le lunghe e conto di dare una risposta definitiva entro pochi giorni”.
O Moie o niente
-Voci d’ambiente insistevano negli ultimi tempi su un tuo approdo al Fabriano Cerreto, società d’elezione per il Tiranti calciatore e trainer; è così?
“Beh, al Fabriano Cerreto mi vogliono bene perché con questa società ho ottenuto diverse promozioni, sia da giocatore che da allenatore. Detto questo, i fabrianesi credo che abbiano già scelto il nuovo trainer, e la mia posizione è precisa: la prossima stagione o allenerò il Moie oppure resterò fermo un giro, a questo dilemma non c’è alternativa (Poi Tiranti scioglierà la riserva e si accorderà per il rinnovo, ndr)”.
Tiranti e la doppia cifra
-A proposito di promozioni, con questa a che quota sei?
“Tra quelle in veste da giocatore e quelle da allenatore sono arrivato in doppia cifra. Non dico il numero esatto per ragioni scaramantiche, ma mi sembra di essere stato sufficientemente chiaro, no?
Gruppo unito
-Chiarissimo. Qual è stata la principale molla del successo?
“Risposta semplice, veritiera, non banale. L’unità del gruppo, soprattutto all’insorgere di difficoltà di vario tipo, è stata fondamentale. Tutti a testa bassa a giocare per il Moie, compresi i ragazzi esclusi dalla formazione titolare per le più diverse esigenze collettive. Nessuno si è messo di traverso, la società ci ha sostenuto, tutti hanno remato nella stessa direzione, ed è stata questa la chiave del successo”.
L’omaggio a Tito Perini
“Voglio aggiungere - Tiranti non ci ha dato il tempo di rivolgergli questa domanda - che ho apprezzato molto il grado di forma e di coesione che ho rilevato dal lavoro del precedente allenatore Tito Perini (sollevato dall’incarico dopo due sconfitte consecutive con la squadra in posizione d’alta classifica, ndr). Questo è un riconoscimento dovuto, non una frase di comodo, tengo a sottolineare”.
Daniele Api e Mirco Cerioni
Da ultimo, qualche annotazione che ci sembra opportuna. Innanzitutto un elogio incondizionato al gruppo che ha saputo conquistare la Promozione, con una citazione particolare, ci sia consentito, per due fondamentali veterani di 38 anni d’età: il portiere-saracinesca Mirco Cerioni (compleanno il 3 agosto) e l’attaccante Daniele Api, autore di 21 gol complessivi, due simboli in rappresentanza di un’équipe che ha funzionato. C’è anche Matteo Arcangeli (rigorista implacabile e tocco-palla di grande eleganza), che non scherza in fatto di età, avendo superato le 37 primavere.
Rinnovamento generazionale
L’augurio è quello che Mirco e Daniele vogliano e sappiano regalarci un altro campionato come quello appena finito nell’attesa di trovare in tempo utile sostituti all’altezza di questi intramontabili giovanotti. 
Pubblico da primato
Ci ha colpito anche la presenza di un pubblico strabocchevole al primo spareggio (contro il Borgo Minonna), forse non 1.100 persone come ventilato da qualche parte, perché la tribuna del Pierucci è omologata per 500 posti, ma è vero che tanti appassionati erano stipati lungo la rete di recinzione, sui gradini di accesso/deflusso, dove non si potrebbe stazionare, e in ogni spazio libero della tribuna. Una partecipazione popolare - contro l’ordinaria presenza di un centinaio o poco più d spettatori durante il campionato - che la dice lunga sulla risposta degli sportivi ad avvenimenti di alto livello agonistico, il che aumenta le responsabilità del presidente Roberto Possanzini, che può dirsi ben contento del lavoro svolto, insieme ai suoi collaboratori, sia nel Settore giovanile che in ambito di prima squadra.
La pausa estiva
Ora c’è la pausa estiva nel corso della quale, riteniamo, la dirigenza rossoblù dovrà elaborare un accurato piano di attività sui due fronti per fare in modo che l’eccellente stagione 2018/2019 non resti un caso isolato.

 

Ultimi Articoli

ANTEPRIMA / Osimo Stazione - Moie Vallesina

Campionato di Promozione 2019/2020 Girone A 2agiornata, sabato 21 settembre…

20 Set 2019
ANTEPRIMA / Moie Vallesina - Gabicce Gradara

Campionato di Promozione 2019/2020 Girone A 1agiornata, sabato 14 settembre…

13 Set 2019
Il Moie Vallesina festeggia la Promozione!

Secondo in campionato, ha dovuto vincere tre spareggi per conquistare…

30 Giu 2019
PLAYOFF / Moie Vallesina - Azzurra K Sport : 1-0

La squadra di Mister Tiranti si è imposta 1-0 sul…

16 Giu 2019
Conclusa l'attività del Settore Giovanile

Conclusa positivamente la stagione calcistica 2018/2019 Il Settore giovanile del…

11 Giu 2019
Moie Vallesina - K Sport Azzurra rinviata!

Clamorosa decisione quella presa dalla federazione: infatti Moie Vallesina –…

07 Giu 2019
Associazione Sportiva Dilettantistica

MOIE Vallesina A.S.D.

Via Manzoni c/o Campo sportivo “M. Pierucci”
60030 – Maiolati Spontini (AN)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.